La Sesta Malattia

La Sesta Malattia

È una malattia provocata dall’Herpes virus 6, che esiste in due forme e quindi si può contrarre due volte. È nota con questo nome perché è il sesto esantema infettivo descritto in medicina. La sesta malattia colpisce soprattutto bambini piccoli tra i 6 mesi e i 2 anni di età, ed è più frequente in autunno e in primavera, pur essendo presente nel corso di tutto l’anno. Si trasmette attraverso un contatto diretto con il muco o la saliva del paziente infetto, oppure con le goccioline respiratorie emesse con la tosse, gli starnuti o anche semplicemente parlando.
 
La malattia, dopo una decina di giorni d’incubazione, inizia con febbre molto alta fino a 39,5 , sensibile al Paracetamolo o all’ Ibuprofene,  che scompare  dopo 3 giorni lasciando il posto all’esantema: macchioline di colore rosa pallido, a volte lievemente rialzate, che si diffondono inizialmente sul tronco e sul collo per poi passare al viso e all’attaccatura di cosce e braccia.
La fase acuta dura un paio di giorni e non provoca né prurito, né desquamazione della pelle
 Insieme alle macchioline compaiono altri sintomi, come arrossamento della gola, l’infiammazione delle ghiandole linfatiche nella zona della mandibola e della nuca e l’arrossamento delle congiuntive. Per la durata caratteristica, la sesta malattia è nota anche come “febbre dei tre giorni”.

Complicazioni
La febbre alta può causare, nei bambini predisposti, convulsioni febbrili che si manifestano in genere con perdita di conoscenza, irrigidimento muscolare e scosse di gambe e braccia.
In genere durano pochi minuti e non provocano danni permanenti, in ogni caso, in caso di convulsioni, è sempre opportuno consultare il pediatra, ma solo dopo aver prestato al bambino il primo soccorso
Terapia
Trattandosi di una malattia di origine virale la terapia mira a risolvere i sintomi, quindi  antifebbrili per abbassare la febbre. Inoltre è bene idratare adeguatamente il bambino, non e’ indicato l’uso degli antibiotici
marco

I commenti sono chiusi