Ora legale: quali disagi provoca?

da bambinopoli.it

Il 27 marzo, alle 2am, le lancette si sposteranno un’ora in avanti, regalandoci un’ora di luce in più la sera e togliendoci un’ora di sonno al risveglio.

A tutti gli effetti, quindi, si entra nella primavera, nei pomeriggi infiniti trascorsi a giocare all’aperto, nei risvegli faticosi e, per lo meno nei primi mesi, bui e freddi (per lo meno per chi la mattina è abituato a svegliarsi presto).
Sebbene questi cambiamenti rappresentino un problema minimo per un adulto (anche se è stato notato che il giorno successivo al cambio dell’ora aumenta il numero di interventi del servizio sanitario per problemi, soprattutto, di tipo cardiaco), anche un’ora di differenza può essere problematica per un bambino, in particolare se abituato a orari rigidi e a una routine piuttosto serrata.
Come aiutarlo, dunque, a ritrovare il suo bioritmo e a non accusare eccessivamente il cambiamento?

Leggi tutto

La guerra spiegata ai bambini

da savethechildren.it

In questi giorni nei notiziari in TV e sui social media si sta parlando della crisi tra Ucraina e Russia, sfociata da poche ore in una guerra. Bambini e bambine non sono isolati dal sentir parlare di ciò che sta accadendo e sono esposti a diverse immagini di guerra. Psicologi e pedagoghi sostengono ormai da tempo che sia necessario dire la verità ai bambini sulle questioni familiari più delicate, come lutti o separazioni, la stessa cosa dovrebbe valere per le questioni delicate come la guerra.

Innanzitutto non bisogna dimenticare di lasciare il giusto spazio alle emozioni, che possono essere anche molto forti quando si tocca un tema come la guerra. Quelle dei bambini, come la paura che certe cose possano succedere anche ai propri familiari, hanno bisogno di essere contenute e non amplificate. Quelle degli adulti, come la paura di essere inadeguati al compito, dovrebbero invece essere espresse senza timori, cercando spazi di confronto con altri adulti e un eventuale sostegno.

Un buon modo per iniziare è quello di ascoltare le domande che i bambini hanno da fare, i loro dubbi e soprattutto le loro paure, questo ci aiuterà ad orientare il dialogo verso ciò che per loro è davvero importante conoscere.

Avvenimenti, uscite media e notizie spesso parlano di situazioni difficili dove i bambini sono vittime della guerra. Come spiegare ad esempio la guerra in Siria ai bambini?

Leggi tutto

Influenza. Vaccino spray per bimbi alla Asl Roma1. Al via sperimentazione in 45 scuole

da quotidianosanita’.it

 

Al via a Roma, nel XIV Municipio, il progetto pilota che prevede la somministrazione di uno spray antinfluenzale ai bambini nella fascia che va da 6 mesi a 6 anni. La sperimentazione è gestita dalla ASL Roma 1 e le sedute vaccinali inizieranno il 17 novembre in 45 scuole del XIV Municipio, dopo una fase di formazione del personale scolastico e una riunione informativa con i genitori, a cui verrà inviato anche il consenso informato. A seguire sarà il turno delle scuole nel II e XIII Municipio che hanno aderito al progetto.

“Lo spray – spiega la Asl Roma 1 in una nota – rappresenta un’arma in più per frenare la diffusione del virus influenzale nei più piccoli e ha un duplice vantaggio: consente di evitare la classica puntura sul braccio, che spesso spaventa i bambini, e ha dimostrato un’efficacia molto alta, fra l’85 e il 90%. I bambini quest’anno potrebbero essere più vulnerabili del solito ai virus respiratori e alle infezioni stagionali, perché non sono stati sottoposti a patogeni per le misure restrittive (mascherine e distanziamento sociale) adottate in un anno e mezzo di pandemia. Inoltre la diffusione di alcuni virus è in anticipo di almeno 2 mesi, come dimostra la pesante epidemia di virus respiratorio sinciziale (Vrs) che sta colpendo in tutto il Paese bambini piccolissimi, con reparti pediatrici e terapie intensive degli ospedali occupati da neonati con bronchioliti e polmoniti causate da questo virus. Per questo è fondamentale proteggere i più piccoli anche contro l’influenza stagionale”.

PS. lo stesso vaccino viene proposto da me durante la vaccinazione che sto’ effettuando il lunedi mattina al Centro Vaccinale di Viua Valdambrini