La meningite

La meningite è un’infiammazione, prevalentemente di origine batterica o virale, delle meningi cioè delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale, che si manifesta soprattutto nei mesi freddi. Si tratta di una malattia grave ma curabile nella maggioranza dei casi. E’ importante la tempestività della diagnosi, ardua nei neonati e nei bambini piccoli, e quindi delle cure.

Ogni anno in Italia si verificano circa 900 casi di meningite batterica, la forma più pericolosa, in gran parte casi sporadici che rientrano nella normalità epidemiologica della meningite in Italia, e purtroppo, si registra ancora il 14% di decessi.

Gli agenti batterici che la causano sono diversi e il più temuto è il Neisseria meningitidis detto meningococco, di cui esistono diversi ceppi. Altri microrganismi causa di meningite sono lo streptococcus pneumoniae (pneumococco) e l’haemophilus influenzae tipo b (emofilo). Maggiori informazioni

Il Laringospasmo

8Il laringospasmo detto anche laringite spastica o croup spasmodico è una patologia particolarmente frequente tra uno e tre anni, anche se può colpire altre età. Improvvisamente, in genere in piena notte , piu’ spesso in autunno o in primavera  il bambino  si sveglia in preda a difficoltà respiratorie: presenta infatti agitazione, tosse metallica, abbaiante, insistente, che ricorda spesso il verso di una foca, stridore inspiratorio (cioè una respirazione rumorosa dovuta all’ostruzione laringea) soprattutto nel pianto, voce roca. La crisi accessuale può durare da pochi minuti a qualche ora, non si accompagna a febbre e si risolve spesso improvvisamente, così come era insorta.

Maggiori informazioni

L’infezione da Giardia

Dal sito “Mammaepapa’.it
La giardiasi è un’infezione intestinale provocata da un protozoo (animale microscopico unicellulare, diffuso ovunque, nelle acque e nel terreno, spesso parassita) chiamato Giardia Lamblia. È caratterizzata da una diarrea intermittente di lunga durata che si accompagna a dolori addominali, distensione addominale, feci maleodoranti e di scarsa consistenza accompagnate da flatulenza (cioè eccessiva quantità di aria o di gas nell’intestino), e a sintomi di malassorbimento (da insufficiente assimilazione di elementi nutritivi nel tratto gastrointestinale) quali diminuzione del peso corporeo, anemia, presenza di grassi nelle feci (steatorrea) e così via.
 

Maggiori informazioni