Divezzamento con pezzi “grossi” ? No grazie

Divezzamento con pezzi “grossi” ? No grazie

da ilpediatraonline.it

Tutte le linee guida sono concordi nell’affermare che la fascia di età in cui i bambini sono esposti a un maggior rischio di soffocamento da cibo è quella tra gli 0 e i 4 anni.

L’elevata incidenza di episodi di soffocamento è dovuta a caratteristiche psico-fisiologiche del bambino:

  • vie aeree di diametro piccolo e forma conoide (fino alla pubertà);
  • scarsa coordinazione tra masticazione e deglutizione dei cibi solidi (che non è innata come per i liquidi);
  • dentizione incompleta (i molari, necessari per ridurre il cibo in un bolo liscio, crescono intorno ai 30 mesi);
  • frequenza respiratoria elevata e tendenza a svolgere più attività contemporaneamente (ad esempio mangiano mentre corrono, giocano, parlano o guardano la TV, tablet, etc).

L’elenco seguente non intende essere esaustivo, ma intende fornire una serie di esempi di alimenti pericolosi. L’attenzione deve essere estesa a tutti gli alimenti con le medesime caratteristiche di quelli elencati.

  • Alimenti pericolosi
  • Alimenti di forma tondeggiante (es. uva, ciliegie, olive, mozzarelline, pomodorini, polpettine)
  • Alimenti di forma cilindrica (es. wurstel, salsicce, carote)
  • Arachidi, semi e frutta secca a guscio
  • Cereali in chicchi (es. orzo, mais, grano) e muesli
  • Frutta disidratata (es. uvetta sultanina)
  • Alimenti che si rompono in pezzi duri e taglienti (es. cracker e biscotti di consistenza molto dura) Burro di arachidi e altri alimenti della stessa consistenza
  • Mozzarella
  • Salumi e prosciutto Legumi
  • Caramelle dure e gommose, gelatine, marshmallow, gomme da masticare, popcorn, sfoglie di patate fritte croccanti (e snack simili)

    In conclusione, meglio tagliare, sminuzzare, sbriciolare, tritare e cuocere gli alimenti da offrire ai bambini!

marco

I commenti sono chiusi