5 abitudini alimentari sbagliate da non trasmettere ai bambini

da bambinopoli.it

Sembra impossibile, ma sin dai primi mesi dell’allattamento e dello svezzamento, è possibile abituare i bambini ad avere un’alimentazione sana ed equilibrata, lontana da quelle cattive abitudini, decisamente molto diffuse, che spesso si protraggono anche in età adulta.

Vediamo, dunque, quali sono gli ‘errori’ più comuni che condizionano il gusto e, di conseguenza, l’alimentazione futura del bimbo.

 

  1. NIENTE ZUCCHERI. POCO SALE
    Sembra assurdo. Ma molti bambini vengono abituati al sapore dolce già durante l’allattamento, anche bimbi allattati al seno in modo esclusivo. Come? L’abitudine più diffusa è quella di immergere il ciuccio nello zucchero in modo da tranquillizzare il piccolo, per esempio, quando è agitato, non vuole dormire, piange.
    Un gesto apparentemente innocente che, però, si rivela particolarmente pericoloso perché condiziona il gusto del bimbo per sempre. 

Maggiori informazioni

Coronavirus e alimenti: come comportarsi

da Bambinopoli.it

Per quanto il coronavirus sia relativamente giovane e ancora soggetto a studi e approfondimenti e sebbene non siano del tutto chiari i suoi comportamenti e, soprattutto, la sua evoluzione, alcune informazioni che lo riguardano sembrano essere date per assodate in tutto il mondo. Una di queste riguarda il modo attraverso cui NON si trasmette, soprattutto in relazione al consumo di cibo eventualmente infetto.

Sottoforma di FAQ, quindi, proviamo a dare risposta ai principali dubbi di questi giorni per sfatare alcunu miti e tranquillizzare gli animi.

È POSSIBILE CONTRATTE IL CORONAVIRUS ATTRAVERSO IL CIBO CHE MANGIAMO?
Sars-CoV2 è un’infezione che si trasmette per via respiratoria inalando goccioline respiratorie emesse da persone infette oppure, indirettamente, portandosi le mani contaminate alla bocca, agli occhi e al naso. Maggiori informazioni

Educazione al gusto : 10 consigli

dal sito  Bambinopoli.it

L’educazione al gusto è un processo lento e prolungato nel tempo che inizia già durante la vita fetale e l’allattamento quando il bambino inizia ad ‘assaggiare’, prima tramite il sangue materno, poi per mezzo del latte della mamma, cibi e alimenti diversi.

Lo svezzamento rappresenta una sorta di pietra miliare di questo lungo percorso che, per certi versi, potremmo dire continuare anche in età adulta.
Come accompagnare, dunque, il bimbo lungo questo viaggio aiutandolo a creare con il cibo un rapporto positivo fatto di curiosità e scoperte? Maggiori informazioni