Archivia Aprile 2021

La tosse da irritazione

da mammaepapa.it

La tosse è un sintomo che si riscontra frequentemente nei bambini e che può essere riconducibile a molteplici cause. Solitamente si associa a patologie a carico dell’apparato respiratorio, tuttavia è importante ricordare che anche alcune condizioni patologiche a carico di altri apparati (gastroenterico, per esempio, come accade nel reflusso gastro-esofageo) sono in grado di provocarla.

La tosse rappresenta un importante meccanismo di difesa, molto sensibile nei confronti delle aggressioni che le vie respiratorie possono subire quando vengono a contatto con stimoli potenzialmente nocivi: lo dimostra l’elevato numero di recettori che sono in grado di scatenare questo riflesso e che si trovano, oltre che a livello della laringe, della trachea e dei bronchi, anche in altre strutture come la parte posteriore della faringe, il condotto uditivo esterno, l’esofago, il diaframma, la pleura, il pericardio (la sottile membrana che circonda il cuore) ed altre ancora Maggiori informazioni

Tre ragioni per cui i bambini non dovrebbero mai saltare la colazione

da bambinopoli.it

Alzi la mano chi per colazione beve un caffè e via.
E alzino la mano quei genitori con figli che al mattino si limitano a sorseggiare un po’ di latte o tè e nulla più.

Eppure la colazione è un pasto importante della giornata, alcuni dicono addirittura il più importante, con effetti positivi per la salute sia per gli adulti che per i bambini.
Saltare la prima colazione, quindi, non solo è sbagliato, ma sarebbe anche dannoso per il benessere con effetti a breve e lungo termine anche importanti.
Ecco almeno 3 ragioni per abituarsi, al mattino, a sedersi a tavola e prendersi il tempo di mangiare, dando al primo pasto della giornata il ruolo che merita. Maggiori informazioni

Pfizer: “Il nostro vaccino molto efficace sui ragazzini di 12-15 anni”. Dosi pronte per l’autunno

da corriere.it

Il vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech è estremamente efficace negli adolescenti dai 12 ai 15 anni, forse anche più che negli adulti. È quello che hanno riferito mercoledì le due aziende sottolineando che nel trial clinico nessun bambino tra coloro che sono stati vaccinati è stato infettato (efficacia del 100%). I ragazzi hanno sviluppato forti risposte anticorpali e non hanno accusato gravi effetti collaterali. Si tratta della prima sperimentazione clinica dotto i 16 anni che arriva a una conclusione (Pfizer-BioNTech è già autorizzato dai 16 anni).

Per raggiungere l’immunità di gregge vanno vaccinati anche i bambini

Il risultato è una buona notizia perché potrebbe accelerare il ritorno alla normalità anche nelle scuole e, a secondo da quando i vari enti regolatori approveranno il vaccino per i minorenni, potrà cominciare la campagna vaccinale anche per loro, si spera già con l’inizio del prossimo anno scolastico. Maggiori informazioni