Archivia Ottobre 2020

Covid, ecco come il virus viaggia con un colpo di tosse

da dire.it

Un colpo di tosse in un pronto soccorso al tempo del COVID-19. Il viaggio nell’aria delle goccioline salivari grandi (droplet) e di quelle microscopiche (aerosol) emesse col respiro. Una simulazione in 3D realizzata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù riproduce esattamente il movimento delle particelle biologiche nell’ambiente e l’impatto dei sistemi di aerazione sulla loro dispersione. I risultati dello studio, condotto con lo spin-off universitario Ergon Research e la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Environmental Research, fornendo informazioni importanti per contenere la diffusione del virus SARS-CoV2 negli ambienti chiusi anche attraverso il trattamento dell’aria. Maggiori informazioni

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE

Il mercoledì mattina effettuero’ la vaccinazione antinfluenzale ai miei pazienti oltre i 18 mesi, presso la sala Comunale in via Cicerone 25. È  possibile prendere appuntamento telefonico con la segreteria o via email  per essere richiamati

Noi pediatri dobbiamo essere dei facilitatori per le famiglie, non ostacoli

da dire.it

 

“Noi pediatri abbiamo il dovere di essere dei facilitatori per la vita e il benessere dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie. Non dobbiamo essere barriere e ostacoli, ma coloro che aiutano e sono vicini, con professionalità e responsabilità, ai bambini e ai ragazzi”. A dirlo è Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip), nell’editoriale pubblicato sull’ultimo numero di ‘Pediatria’, la rivista ufficiale della società. “I pediatri italiani sono tra i migliori al mondo tra gli specialisti dell’età evolutiva, visitano sempre i loro pazienti, sono sempre vicini alle loro famiglie, si impegnano in prima persona e sul campo, aprendo i loro ambulatori, i loro reparti, i loro studi- scrive Villani– chi si comporta in maniera diversa non è un pediatra che risponde al codice etico e deontologico, è un lavoratore pediatra (con la p minuscola) che sfugge alle sue responsabilità, che svilisce il suo ruolo, che declassifica la Pediatria”. È chiaro l’invito del presidente Sip ad agire con responsabilità in questo difficile periodo di ripresa delle attività scolastiche. Maggiori informazioni